Google+ Google+ Google+

lunedì 26 giugno 2017

Mamme di maschi

Pensavo vi foste tutte rincretinite, voi mamme di maschi.

Vi vedevo con i vostri "ometti", cotte a puntino come fan di Justin Bieber, con le pupille a cuoricino mentre i vostri bambini facevano qualcosa di idiota o disgustoso al parchetto. E pensavo che io non avrei mai voluto un figlio maschio.

I maschi sono... maschi. Cioè... diventano uomini a un certo punto, cosa possono avere di tanto meraviglioso? Sono sempre sporchi, indossano vestiti noiosi, ti pisciano addosso quando li cambi, non hanno lunghi capelli da pettinare. E poi fanno giochi scemi, rumorosi, pericolosi. Anziché colorare e ritagliare porte per fatine immaginarie o coccolare adorabili peluche fanno schiantare macchinine contro il muro. E voi lì, innamorate perse, che li incitate pure. "Ma cosa avete che non va?" mi chiedevo guardandovi sconsolata.

Quando il medico mi ha detto già al terzo mese che aspettavo DECISAMENTE un maschietto mi sono lasciata prendere dallo sconforto. Volevo un'altra femmina. Anzi. Se devo dirla tutta io volevo un'altra Emma. Sia io che Marito ci siamo resi conto che non volevamo un altro figlio: volevamo clonare la figlia che già avevamo, riprodurla, avere la possibilità di rivivere tutte le fasi della sua crescita, di riabbracciare la Emma neonata con i suoi occhietti a mandorla, ripercorrere i boschi in cerca di gnomi con la Emma ricciolina di due anni, rifare il primo viaggio a Disneyland con la Emma incantata di 4 anni. La gnoma stava crescendo, e noi volevamo fermare tutto e schiacciare il tasto REWIND.

Ovviamente il nostro era un desiderio irrazionale e irrealizzabile. E per fortuna, perché Emma è meravigliosa pure in versione Bambina Grande, e anche se faccio fatica a crederci, in fondo so che mi godrò ogni fase della sua crescita.

E poi il nostro piano idiota di clonare nostra figlia ha dato vita a Milo.

E con Milo, io sono diventata mamma di un maschio. Ovviamente mi sono rincretinita anch'io, esattamente come voi altre che osservavo da lontano con compassione.

Dire che sono completamente cotta di lui è poco.

Me lo tengo stretto in fascia nonostante i 45 gradi all'ombra, gli faccio grandi complimenti ogni volta che fa la cacca, lo chiamo (sigh....) "il mio pisellone", lo sotterro di baci ogni volta che mi mostra le fossette sulle guanciotte, lo osservo dormire come la più paziente delle stalker, lo allatto DAVVERO a richiesta (con Emma pretendevo che passassero almeno un paio d'ore tra una poppata e l'altra) e parlo come un'idiota da quando è nato. Per non parlare del fatto che quando è nata Emma, durante tutto il post parto l'ho inconsciamente incolpata di avermi fisicamente distrutto, mentre oggi osservo i punti che ancora non mi mollano e li vedo come un dolce ricordo della sua nascita. Ho addirittura tentennato prima di gettare nel WC il moncone del suo cordone ombelicale quando finalmente si è staccato dal suo ombelico.

Insomma sono completamente andata. E scommetto che tra qualche anno non noterò nemmeno gli sguardi di compassione delle mamme di figlie femmine al parchetto perché sarò troppo occupata a dire cose come "Pisellone della mamma la smetti di mangiare formiche che ti fanno male al pancino?".

P.S. Lo so che non tutti i maschietti sono idioti, rumorosi e viulenti eh? Sono semplicemente quelli che al parchetto si fanno notare di più rispetto al bimbo tranquillo che legge sotto a un albero. In ogni caso ho come l'impressione che Milo NON SARÀ quel bimbo tranquillo che legge sotto a un albero.

5 commenti:

  1. Presente! Mamma di ben due maschi. Pure io ho fatto l'errore di cercare di clonare il primo, stupendo, profumatissimo bambino... E mi è arrivato tutto l'opposto. L'unica cosa che hanno in comune, a parte i genitori, è appunto il pisello. Primo figlio moro, secondo figlio biondo; primo figlio riccio, secondo figlio liscio; primo figlio ubbidiente e ragionevole - per quanto possa esserlo un bambino di quasi sei anni-, secondo figlio un casino. Totale. E io come una scema li guardo entrambi, rapita da come schiantano giocattoli in giro per casa o raccolgono vermi ai parchetti...
    E comunque io di bambini che leggono un libro in un angolo ai giardinetti non ne ho mai visti...

    RispondiElimina
  2. Tanti auguri Simona!
    Ci tenevo a lasciarti un saluto perchè con grande stupore vedo che è arrivato il tuo secondo bimbo - sono capitata sul tuo blog quando eri incinta di Emma e io del mio primogenito, nato tre mesi dopo la tua.
    Mi faceva compagnia leggere di come avanzava la tua gravidanza e poi i primi mesi da mamma, mentre mi anticipavi di poco.
    Beh, abbiamo sincronizzato anche i secondi, ma questa volta sono arrivata prima io ;)
    Mi fa sorridere questa coincidenza!
    Buona avventura con il tuo secondo bimbo e benvenuta nel mondo degli ADORABILI maschietti (io ho raddoppiato anche i piselli e sono al settimo cielo)
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi l'avrebbe mai detto eh? Tantissimi auguri per la tua doppietta!!

      Elimina
  3. Tanti auguri e benvenuta nel club! Anche io maschio e femmina ma a parte le differenze biologiche quando giocano si fanno notare entrambi!

    RispondiElimina
  4. Tanti auguri. I maschietti sono uno spettacolo!

    RispondiElimina

Google+